World Matchplay 2016, 18 Luglio: Phil Taylor vince a fatica, eliminati van Barneveld e Klaasen!

L’ultima giornata dedicata ai match di primo turno ha regalato due grandi colpi di scena con le eliminazioni eccellenti di Jelle Klaasen e Raymond van Barneveld. Ha sofferto più del previsto anche Phil Taylor che alla fine è riuscito ad avere la meglio di Robbie Green, mentre Smith ha superato Simon Whitlock in maniera convincente. 

Risultati di Lunedì 18 Luglio 2016
(93.00, 40%)  Jelle Klaasen 6-10 Steve Beaton  (94.26, 53%)
(92.79, 37%)  Raymond van Barneveld 7-10 Brendan Dolan  (90.68, 59%)
(98.72, 34%)  Phil Taylor 10-8 Robbie Green  (88.13, 33%)
(97.20, 40%)  Michael Smith 10-6 Simon Whitlock  (94.28, 27%)

Una serata da incubo per i Paesi Bassi, con Raymond van Barneveld e Jelle Klaasen che nonostante i favori della vigilia si devono arrendere entrambi ai propri avversari di primo turno. La sconfitta più sorprendente è quella del cinque volte campione del mondo che è stato battuto per 10-7 da Brendan Dolan, uno dei giocatori che arrivava a questo torneo con meno aspettative visto il pessimo rendimento avuto finora nel 2016. La differenza l’hanno fatta le percentuali in chiusura, Dolan ha terminato con uno strepitoso 59%, mentre Barney non è mai riuscito a trovare il break in tutto l’incontro, fallendo sei freccette in cinque diversi leg per togliere il tiro all’avversario. La partita è stata in equilibrio fino al 5-4 per Dolan, con van Barneveld che fino a quel momento era stato l’unico ad avere l’occasione per fare il break, fallendo due frecce al D20 nel primo leg ed un D12 per chiudere 141 nel terzo. Nel decimo leg però l’olandese gioca un leg pessimo ed il nordirlandese  in 18 frecce conquista quello che sarà l’unico break di tutto il match. Barney ha diverse occasioni per ricucire il break di svantaggio ma fallisce un D12 per chiudere 104 sul 6-4 ed il bull per chiudere 121 sul 7-5. L’atteggiamento di van Barneveld non è certo quello combattivo visto all’ultimo mondiale e Dolan anche per questo prende fiducia e negli ultimi due leg sul proprio tiro non rischia più nulla e chiude l’incontro con il punteggio di 10-7.  

L’altro grande colpo di scena della serata è messo a segno da Steve Beaton che sconfigge per 10-6 la testa di serie numero dieci Jelle Klaasen che insieme a van Barneveld porta a sei il numero di giocatori del seeding eliminati in questo primo turno. L’inglese che non vinceva una partita a Blackpool dal 2012 si è esibito in una prestazione molto solida, sfruttando alla perfezione i troppi errori ai doppi dell’avversario. Klaasen ha pagato una partenza decisamente negativa che lo ha visto andare sotto 4-1 con due break di differenza. L’olandese dopo la prima pausa sembra essere riuscito a rientrare in partita con leg in 11 e 17 frecce, ma due pesantissimi errori per andare 4-4 ed altre due freccette sbagliate per il 5-5 permettono a Beaton di difendere il proprio vantaggio. Le percentuali deficitarie in chiusura costano carissimo a Klaasen che subisce un altro break nell’undicesimo leg e poi fallisce tre frecce per accorciare le distanze ritrovandosi indietro per 8-4. Beaton sembra iniziare ad accusare la pressione del punteggio quando fallisce due frecce per il 9-5, ma l’inglese reagisce immediatamente con leg in 15 ed 11 frecce per coronare alla grande una vittoria meritatissima.

Dopo le convincenti prestazioni di van Gerwen ed Anderson, c’era grande attesa per la risposta di Phil Taylor ai suoi più accreditati rivali per la vittoria finale ed il 55enne inglese ha dovuto soffrire più del previsto a causa dei tantissimi errori ai doppi gli hanno notevolmente complicato la vita contro un Robbie Green che non è riuscito ad approfittare fino in fondo di un Taylor a tratti sembrato vulnerabile. L’inizio dell’incontro è stato eccezionale da parte di entrambi i giocatori con i primi cinque leg giocati ad altissimo livello. Green con due 14-darter si porta subito avanti 2-0, ma fallisce un D10 per chiudere 128 ed andare sul 3-0 e Taylor conquista il contro break in 14 frecce e poi  il 2-2 con un 12-darter. Green trova due 180 nel quinto leg per andare 3-2, ma al rientro dalla pausa il suo powerscoring non è tornato in pedana e Taylor ribalta il risultato con tre leg consecutivi in 14, 15 e 14 frecce. Un Taylor fino a quel momento strepitoso incappa in due leg tragici ai doppi, fallendo 11 freccette ai doppi e consentendo a Green di tornare in parità sul 5-5 con leg in 21 e 23 frecce! Green però non è lo stesso della prima sessione e fatica a trovare continuità sui tripli, Taylor invece non scende di livello e con due 15-darter e checkout di 118 e 70 allunga nuovamente sul 7-5. L’occasione per Green arriva sul 7-6 quando non sfrutta due errori di Taylor fallendo una freccetta per il 7-7. Il sedici volte campione del mondo non concede altre possibilità di rientrare in partita all’avversario e con leg in 15 e 14 frecce vince per la ventitreesima volta in 23 edizioni il suo match di primo turno e si regala una sfida di ottavi di finale contro Mensur Suljovic.

L’ultimo match della serata che completa il tabellone del World Matchplay allineandolo agli ottavi di finale è stato quello tra Michael Smith e Simon Whitlock. Entrambi i giocatori avevano bisogno di risposte da questo incontro e ad ottenere quelle positive è stato senza dubbio il 25enne di St. Helens che dopo una prima sessione disastrosa, ha cambiato registro innalzando il proprio average da 85 fino a al 97 abbondante con cui ha terminato l’incontro. Whitlock non è riuscito a capitalizzare della falsa partenza dell’avversario, costruendosi solamente un vantaggio minimo di tre leg a due e quando Smith ha alzato il livello del proprio powerscoring non è stato in grado di rispondere in alcun modo. L’inglese ha trovato un parziale di sei leg ad uno che dal 3-2 per l’australiano lo ha portato a condurre sull’8-4, ottenuto grazie anche a due 12-darter, un leg in 13 ed uno in 14 frecce. Un leg in 11 frecce ha permesso a Smith di portarsi ad un leg dalla vittoria sul 9-5 e di chiudere l’incontro due leg dopo con il punteggio di 10-7. 

Programma di Martedì 19 Luglio 2016
Sessione Serale (Dalle ore 20:00)

Secondo Turno
Robert Thornton v Dave Chisnall
Peter Wright v Ian White
Michael van Gerwen v Kyle Anderson
Adrian Lewis v Gerwyn Price

Be the first to comment on "World Matchplay 2016, 18 Luglio: Phil Taylor vince a fatica, eliminati van Barneveld e Klaasen!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*