Campionato del Mondo PDC, 29 Dicembre: tutti i quarti di finale nella giornata di Venerdì

Venerdì 29 Dicembre va in scena una delle giornate più spettacolari del Campionato del Mondo PDC 2018. All’Alexandra Palace infatti sono in programma due sessioni di gioco, alle 13:30 ed alle 20:00, in cui si disputeranno i quarti di finale. Grandissima attesa per le sfide della sessione serale van Gerwen-van Barneveld e Taylor-Anderson.

QUI potete trovare il programma completo con statistiche e risultati del Campionato del Mondo PDC 2018. QUI invece trovate la programmazione completa del World Darts Championship sui canali di Sky Italia.

Programma di Venerdì 29 Dicembre 2017
Sessione Pomeridiana (Dalle 13:30)

Quarti di Finale
Jamie Lewis – Darren Webster
Rob Cross – Dimitri van den Bergh

Sessione Serale (Dalle Ore 20:00)
Quarti di Finale
Michael van Gerwen – Raymond van Barneveld
Phil Taylor – Gary Anderson

L’edizione numero 25 del Campionato del Mondo PDC è stato un torneo ricco di sorprese. Dodici teste di serie eliminate, tre giocatori per la prima volta in carriera ai quarti di finale, e due giocatori “unseeded” tra gli ultimi otto come non capitava dal 2009. 

La sessione serale di Venerdì 29 Dicembre è quella più attesa dagli appassionati. Per il terzo anno consecutivo all’Alexandra Palace, Michael van Gerwen e Raymond van Barneveld si affronteranno sul palco più prestigioso del mondo. 

Nel 2016 fu Barney a vincere negli ottavi di finale per 4-3, mentre dodici mesi fa van Gerwen sconfisse il connazionale in una semifinale da record per 6-2 giocando a 114 di average contro il 109 di van Barneveld. Nei primi due turni di questo mondiale, MVG sembrava voler ripetere il mostruoso livello di gioco mostrato l’anno scorso all’Ally Pally, quando chiuse con un average nella competizione appena sopra il 107.

Il match di ottavi di finale contro Price però ha mostrato qualche crepa nella corazza del numero uno del mondo. Il gallese non ha sfruttato ben cinque frecce ai doppi per vincere il quinto set ed andare avanti 3-2, al termine di un parziale di nove leg in cui van Gerwen ne aveva vinto appena uno. 

La peggior prestazione dal punto statistico di MVG negli ultimi due anni al mondiale, “solamente” 100.06 di average, per quanto difficilmente ripetibile apre orizzonti decisamente più ottimistici per Raymond van Barneveld. Il cinque volte campione del mondo è parso solidissimo in questa prima fase di mondiale, appena due set concessi in tre match e tre prestazioni consecutive da 100+ di average, come in carriera nello stesso mondiale gli era capitato solamente una volta nel 2002. 

L’altro quarto di finale della sessione delle 20:00 sarà la sfida tra Gary Anderson e Phil Taylor, quella che potrebbe essere l’ultima partita da professionista di “The Power”. Il sedici volte campione del mondo è andato in crescendo in questo torneo, dopo un primo turno mediocre contro Dobey, ha sconfitto Justin Pipe e Keegan Brown senza concedere set con prestazioni da 99 e 101 di average. Era dal 2013, anno del suo ultimo trionfo all’Alexandra Palace, che Taylor non arriva ai quarti di finale avendo perso un solo set. 

L’inglese si presenta a questo incontro con la miglior percentuali ai doppi tra gli otto giocatori rimasti in gara, un 53% figlio del 24 su 41 messo a segno negli ultimi due incontri. Una situazione diametralmente opposta rispetto a quella di Gary Anderson che invece in tutti e tre i suoi incontri in questo torneo è rimasto ben al di sotto del 40% ai in chiusura. Lo scozzese due volte vincitore di questa competizione nel 2015, battendo proprio Taylor in finale nell’unico confronto tra i due al mondiale, e nel 2016 e finalista in tutte le ultime tre edizioni del mondiale, è sembrato lontano dalla forma fatta vedere negli ultimi anni all’Alexandra Palace.

Anderson si è complicato la vita contro Steve West negli ottavi di finale, rischiando di dover giocare addirittura il settimo e decisivo set, e per la prima volta in quattro anni ha giocato due match consecutivi del mondiale sotto il 98 di average. Per Anderson sarà una partita non facile anche dal punto di vista psicologico, in cui dovrà convivere con un pubblico tutto schierato a favore di Taylor e quell’atmosfera da “ultima recita della leggenda” che già al Matchplay ha influenzato negativamente gli avversari dell’inglese. 

Nella sessione pomeridiana invece andranno in scena i quarti di finale meno nobili di questa edizione. Per la prima volta da quando il mondiale è stato allargato a 64 giocatori con 32 teste di serie nel 2006, sono ben due i match di quarti di finale senza almeno un giocatore tra i primi 16 del seeding. 

Ad aprire questa grandissima giornata di freccette ci penseranno Darren Webster e Jamie Lewis, usciti vittoriosi da una parte di tabellone in cui i nomi più attesi erano quelli di Peter Wright, Adrian Lewis e Simon Whitlock. Il match si presenta come un incontro molto equilibrato tra la maggiore costanza di Webster ed i picchi di grandissima qualità di Lewis. 

Il 26enne gallese ha regalato al pubblico di Alexandra Palace il più grande colpo di scena di questa edizione quando ha sconfitto per 4-1 Peter Wright in un match di secondo turno giocato ad oltre 107 di media. Una prestazione difficilmente ripetibile per Lewis che in carriera mai era andato oltre il 99 di average in match televisivi prima di allora, ma a cui il gallese ha dato seguito con una solida partita di ottavi di finale contro Richardson giocata a 96 di average. 

Lewis, che prima di questa edizione aveva perso cinque dei sei incontri disputati al mondiale, si presenta a questo match con una media nel tornei di 99.51 ed il 48% ai doppi. Questo incontro però rappresenta un’occasione forse irripetibile per entrambi e la pressione che ne deriva potrebbe appiattire notevolmente le prestazioni fatte vedere nei turni precedenti. Webster negli ultimi due anni è entrato in una nuova dimensione, raggiungendo anche i quarti di finale al World Matchplay, e dopo un primo turno vinto a fatica contro Petersen, ha concesso appena un set a Whitlock ed Alcinas in due prestazioni, non spettacolari, ma da grande professionista. Il format al meglio dei 9 set di questi quarti di finale dovrebbe dare spazio ad entrambi i giocatori per recuperare errori e passaggi a vuoto dovuti alla tensione e tra tutti i match in programma Venerdì, questo potrebbe essere l’indiziato numero uno per concludersi al decider.

L’altro quarto di finale della sessione delle 13:30 vedrà impegnati Robert Cross e Dimitri van den Bergh. L’inglese testa di serie numero 20 era uno dei giocatori più attesi di questo mondiale dopo l’incredibile stagione d’esordio sul circuito PDC. Cross non ha deluso le attese ed ha dimostrato ancora una volta di essere un giocatore dal talento fuori dall’ordinario, esprimendosi al suo primo mondiale subito su livelli di eccellenza assoluta.

Cross arriva a questo match di quarti di finale con un average nel torneo di 102.04, secondo solo al 103.65 di Michael van Gerwen. L’inglese è sopravvissuto a due frecce per il match fallite da Michael Smith nel secondo turno, nell’incontro più bello di questa edizione. Negli ottavi di finale Cross non ha lasciato scampo a John Henderson, giustiziere di Daryl Gurney nei sedicesimi di finale, in una partita in cui il numero 20 del ranking mondiale ha giocato quasi distrattamente. 

Proprio queste piccole pause dovute probabilmente anche alla poca esperienza con il format dei set, sono state l’unica pecca di un mondiale finora superlativo da parte di Cross. A questo si dovrà aggrappare Dimitri van den Bergh, il 23enne belga che ha sconfitto Stephen Bunting, Jan Dekker e Mensur Suljovic per conquistare, anche lui, il primo quarto di finale in carriera ad un mondiale. 

Dopo la prestazione superlativa contro Bunting, il campione in carica del mondiale PDC Under 23 ha disputato due partite più in linea con il proprio attuale potenziale, chiudendo sul 95/96 di media e vincendo soprattutto grazie all’ottimo timing in chiusura. L’impressione è quella che contro Cross, in un match sulla lunga distanza, il powerscoring dell’inglese possa risultare di un livello troppo elevato per il belga, che sarà messo costantemente sotto pressione e dovrà chiedere gli straordinari alle proprie capacità in chiusura. 

 

Be the first to comment on "Campionato del Mondo PDC, 29 Dicembre: tutti i quarti di finale nella giornata di Venerdì"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*