Campionato del Mondo PDC 2017, 28 Dicembre: Barney-Lewis è la supersfida degli ottavi di finale

Il Campionato del Mondo PDC entra sempre più nel vivo con un’altra doppia sessione di gioco Mercoledì 28 Dicembre. Dalle 14 e dalle 20 si disputeranno gli ultimi quattro incontri di secondo turno rimasti in tabellone ed i primi due match di ottavi di finale. 

QUI potete trovare tutte le informazioni sul Campionato del Mondo PDC 2017, con il tabellone, il programma completo della manifestazione e tutti i risultati e le statistiche delle partite disputate finora.

Kim Huybrechts e Max Hopp apriranno la sessione pomeridiana di Mercoledì 28 Dicembre. Il belga numero 13 del seeding ha superato al primo turno James Wilson in un match dominato grazie ad una prestazione superlativa in chiusura, con il 64% ai doppi e checkout di 81, 85, 104 e 138. Il 2016 di Huybrechts è stato molto positivo nei tornei floor, è settimo infatti nel Pro Tour Order of Merit, ma ha fallito anche in questa stagione il salto di qualità negli appuntamenti televisivi. Le aspettative sul talento belga sono elevate e la pressione si fa sentire soprattutto all’Alexandra Palace dove dopo i quarti di finale all’esordio nel 2012 non ha più superato il terzo turno.

Un altro giocatore che deve convivere con aspettative importanti è il tedesco Hopp. La Germania è da anni alla ricerca di una stella autoctona in uno sport che ha un seguito di pubblico sempre maggiore, ed i riflettori sono tutti quanti su “Maximiser”. A 20 anni Hopp ha già una discreta esperienza a questi livelli, essendo questo il quinto mondiale consecutivo a cui prende parte, ma il tedesco non ha mostrato significativi segnali di crescita sul Pro Tour nelle ultime stagioni ed ha concluso il 2016 solamente al quarantanovesimo posto in questa classifica. Il tedesco ha fallito per questo motivo la qualificazione a gran parte dei tornei televisivi validi per il ranking di quest’anno, sia nel 2015 che nel 2016, rallentando il proprio percorso di crescita ad alti livelli. Nel primo turno all’Alexandra Palace Hopp però ha giocato un match di grande qualità battendo per 3-1 Vincent van der Voort e chiudendo con 94.59 di average. Le due migliori prestazioni in carriera di Hopp in match televisivi sono arrivate proprio al primo turno del World Darts Championship, anche due edizioni fa infatti il tedesco sconfisse per 3-2 Mervyn King giocando ad oltre 96 di media. Per Hopp non sarà facile superare un giocatore del calibro di Kim Huybrechts, ma quello che viene chiesto al tedesco è di dimostrare di potersi esprimere con continuità sul livello espresso al primo turno.

Il secondo match del pomeriggio vedrà impegnati James Wade e Steve Beaton. La testa di serie numero 6 del ranking ha offerto la sua solita prestazione “Q.B.” contro Ronny Huybrechts, in un match dominato dall’inglese per 3-0. Wade ha dato l’impressione di essersi preparato a dovere per questo torneo e di poter salire notevolmente rispetto al 93.83 di media fatto vedere nei trentaduesimi di finale. Il mancino di Aldershot ha raggiunto almeno i quarti di finale in sette delle ultime nove partecipazioni all’Alexandra Palace, anche se senza mai riuscire ad andare oltre le semifinali. Beaton, 52 anni ed al ventiseiesimo mondiale consecutivo, meglio di lui solamente John Lowe e Phil Taylor con 28, non ha mai avuto un buon rapporto con il Campionato del Mondo PDC. Il vincitore del Lakeside 1996 infatti non ha mai raggiunto i quarti di finale e l’ultima volta che riuscì a superare il secondo turo risale all’edizione 2004.  Al primo turno quest’anno ha sconfitto Devon Petersen, mostrando qualche lampo di bel gioco ed il solito ritmo e pulizia tecnica nel movimento, ma questo difficilmente sarà sufficiente per battere un Wade che non perde quasi mai questo genere di match. I due si sono affrontati all’Alexandra Palace in altre due occasioni, sempre ai sedicesimi di finale, nel 2008 e nel 2013, ed entrambe le volte è stato Wade ad uscire vittorioso, come probabilmente accadrà anche in questo terzo confronto mondiale.

L’ultimo match del pomeriggio è quello tra Jelle Klaasen e Brendan Dolan. L’olandese, semifinalista qui la scorsa edizione, ha vissuto un 2016 solido, ma in cui non è riuscito a prendere ulteriore slancio dopo l’ottimo mondiale disputato. In dodicesima posizione nel Pro Tour Order of Merit, e decimo nel ranking mondiale considerando solamente gli ultimi dodici mesi, Klaasen non è riuscito ad avvicinarsi alla Top 8 come invece hanno fatto giocatori come Mensur Suljovic e Dave Chisnall. Il vincitore del Lakeside 2006 vittorioso con una media di 96.02 nel match di primo turno contro Jeffrey de Graaf è atteso ad una partita non semplice contro il numero 23 del seeding. Dolan, dopo una prima parte di 2016 disastrosa, si è ripreso negli ultimi mesi raggiungendo i quarti di finale al Grand Slam of Darts e gli ottavi di finale alle Players Championship Finals. Il nordirlandese non ha mai superato il secondo turno in otto partecipazione, ma è un giocatore che spesso esce vincitore quando il match scende di livello e che giocando a velocità moderata può mettere in difficoltà sul ritmo Klaasen.

La sessione serale delle 20 si apre con l’ultimo incontro di secondo turno di questo mondiale. Peter Wright, testa di serie numero 3, non dovrebbe avere grandi problemi ad avere la meglio di Jamie Lewis. Lo scozzese ha sconfitto per 3-0 al primo turno Jerry Hendriks giocando in scioltezza a 101 di media. Wright dopo la finale raggiunta nel 2014 ed i quarti di finale delle ultime due edizioni, quest’anno sembra aver effettuato un ulteriore salto di qualità ed è entrato di diritto a far parte di quel gruppo di giocatori che sono un gradino sopra il resto del field. Il 25enne gallese non sembra avere le armi per poter competere con il numero tre del mondo, la vittoria contro McGowan al primo turno è stata la prima dopo quattro sconfitte all’Alexandra Palace. Passato in PDC nel 2012, Lewis non ha scalato il ranking con la velocità che in molti si aspettavano e dopo quattro anni sul tour dei professionisti rimane ancora lontano dal poter competere con giocatori del calibro di Wright.

Gli ultimi due match della serata sono i primi due incontri di ottavi di finale che si disputeranno in questa edizione del mondiale. Gary Anderson sarà impegnato in pedana contro Benito van de Pas. Il due volte campione in carica, imbattuto da 14 incontri all’Alexandra Palace, anche quest’anno sembra essersi presentato all’appuntamento in ottima condizione. Il 2016 non è stato ricco di soddisfazioni per lo scozzese, con appena una finale nei tornei televisivi di primo livello e due vittorie sul Pro Tour. Anderson però fa parte di quella categoria di giocatori che hanno bisogno degli stimoli del Campionato del Mondo per trovare le motivazioni giuste per prepararsi al meglio. Dopo il 96 di average al primo turno contro Frost, il numero due del ranking è salito di colpi non concedendo set neanche ad Andrew Gilding, battuto giocando a 102.58 di media. Difficile pensare che “Big Ben”, autore di una stagione strepitosa soprattutto sul Pro Tour, che lo ha visto spingersi fino a diventare numero 15 dell’Order of Merit, possa convivere con il livello di gioco di cui è capace Anderson. Il 23enne olandese è un giocatore di grande talento, ed ha battuto al secondo turno Terry Jenkins per 4-3 al termine di un ottimo match, ma non è probabilmente ancora pronto per giocare a 100+ di average sulla lunga distanza come quella che lo aspetta in un match combattuto al meglio dei 7 set. 

L’ultima partita di Mercoledì 28 Dicembre è probabilmente il match più atteso di tutti gli ottavi di finale. Il due volte campione del mondo e numero 5 del seeding Adrian Lewis, affronta Raymond van Barneveld, in quella che dodici mesi fa è stata una delle due semifinali all’Alexandra Palace, vinta per 6-3 dall’inglese. I due giocatori si affronteranno per il terzo mondiale consecutivo, avendo giocato anche nell’edizione 2015 proprio negli ottavi di finale, ed in quella occasione vinse l’olandese per 4-3.

Entrambi arrivano a questo incontro dopo un’ottima prestazione nel secondo turno e senza aver concesso set nel torneo. Lewis dopo il brutto match d’esordio contro Caris, si è riscattato giocando una delle sue migliori partite degli ultimi anni contro Joe Cullen. Anche se non è mai stato sotto pressione, il numero 5 del seeding ha impressionato per il ritmo e la fluidità della meccanica di tiro. I dubbi che accompagnano Lewis sono tutti legati a come reagiranno le percentuali in chiusura una volta messo sotto pressione. In sette degli ultimi 13 match televisivi, l’inglese ha chiuso con meno del 34% ai doppi, numeri gravemente insufficienti per un giocatore del calibro di Lewis. Questo aspetto del gioco dell’inglese sarà sicuramente messo sotto pressione da Raymond van Barneveld che nel 4-0 inflitto ad Alan Norris nel secondo turno perdendo appena due leg, ha giocato a quasi 120 di media sulle prime nove frecce. 

Il cinque volte campione del mondo si è presentato a questo torneo motivato come non lo si vedeva da tempo. L’olandese, come dichiara ormai anche lui pubblicamente, riesce a trovare l’energia e le motivazioni necessarie per competere a questi livelli, solamente all’Alexandra Palace e negli occhi di “Barney” si vede una luce diversa quando sale su quel palco. 99 di average per battere Green e 103 per sconfiggere Norris, in entrambi i casi senza cedere set, sono un biglietto da visita importante che fanno a mio avviso di Raymond van Barneveld il favorito, seppur di poco, dell’incontro con Adrian Lewis.

Il torneo in Italia è trasmesso da Fox Sports. QUI trovate il calendario completo delle trasmissioni sui canali di Sky Italia. In alternativa sarà possibile vedere il torneo tramite i soliti canali streaming legali:

QUI potete trovare lo streaming di bet365 (è necessario avere un conto attivo sul sito di scommesse). 

QUI invece il nuovo streaming ufficiale della PDC che trasmetterà il torneo in diretta (a pagamento, 9.99£ al mese, alta qualità).

Programma di Mercoledì 28 Dicembre 2016
Sessione Pomeridiana (Dalle 14:00)

(92.76, 39%)  Kim Huybrechts 4-0 Max Hopp  (87.57, 26%)
(99.39, 50%)  James Wade 4-1 Steve Beaton (97.74, 32%)
(93.32, 60%)  Jelle Klaasen 4-0 Brendan Dolan (93.34, 47%)

Sessione Serale (Dalle 20:00)
(103.53, 75%) Peter Wright 4-0 Jamie Lewis (91.35, 17%)
Ottavi di Finale
(107.68, 58%)  Gary Anderson 4-2 Benito Van de Pas  (102.30, 50%)
(98.05, 65%)  Adrian Lewis 3-4 Raymond Van Barneveld  (95.00, 38%)

FORMAT
Secondo Turno – Best of 7 set
Ottavi di Finale – Best of 7 set

Ogni set è al meglio dei 5 leg. Nel set decisivo in caso di punteggio di due leg pari si continuerà ad oltranza fino a che un giocatore non avrà due leg di vantaggio. In caso di ulteriore parità sul 5-5, si giocherà un leg secco che decreterà il vincitore del match ed i due giocatori tireranno al bull per decidere chi inizierà a tirare per primo nel leg decisivo.

Be the first to comment on "Campionato del Mondo PDC 2017, 28 Dicembre: Barney-Lewis è la supersfida degli ottavi di finale"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*