Campionato del Mondo PDC 2017, 27 Dicembre: ricomincia il mondiale con Taylor e van Gerwen

Dopo la pausa di tre giorni per le festività natalizie, i campioni delle freccette tornano in pedana per il secondo turno del PDC World Darts Championship 2017. Doppia sessione di gioco prevista Martedì 27 Dicembre, alle 14 ed alle 21, per disputare sei incontri di sedicesimi di finale. 

Ascolta l’ultima puntata di Diddle For The Middle, con l’analisi di tutti i risultati delle prime dieci giornate del World Darts Championship.

Mercoledì 23 Dicembre il Campionato del Mondo PDC ha lasciato gli appassionati per tre giorni di pausa, con un assaggio del secondo turno che ha visto subito un livello di gioco spettacolare ed alcune partite entusiasmanti risoltesi solamente al set decisivo. Da Martedì 27 a Venerdì 30 Dicembre non ci saranno pause, con due sessioni di gioco ogni giorno, per arrivare a determinare i quattro giocatori che saliranno in pedana per le semifinali del primo giorno del nuovo anno. 

Il programma di Martedì 27 prevede due sessioni di gioco, alle 14 ed alle 21, entrambe con tre partite di secondo turno in calendario. L’incontro che aprirà la giornata è quello tra Mensur Suljovic e Mark Webster. L’austriaco ha vissuto un 2016 di grandissimo spessore, si troverebbe infatti in terza posizione in un ipotetico Order of Merit basato su 12 invece che su 24 mesi, dietro solamente a Michael van Gerwen e Peter Wright. Suljovic è passato dalla testa di serie numero 21 dello scorso mondiale, alla numero 8 odierna, grazie ad una crescita sia nei risultati che nelle prestazioni, che lo hanno portato a conquistare anche la prima finale in carriera in un torneo televisivo di primo livello allo European Championship di fine Ottobre.

Il numero 8 del ranking però non ha un ottimo rapporto con il mondiale, mai oltre gli ottavi di finale ed un bilancio complessivo di otto partite vinte e nove sconfitte. Il match di primo turno vinto per 3-0 contro Ron Meulenkamp ha confermato il trend che vede Suljovic non esprimersi al meglio all’Alexandra Palace, l’88.51 di average contro l’olandese è infatti il secondo peggior average in un match televisivo di tutto il suo 2016, anno in cui era sempre stato oltre il 94 di media. Il nervosismo dimostrato da Suljovic in pedana nel primo turno è sicuramente un segnale di aspettative importanti da parte dell’austriaco e di una pressione che inizia a farsi sentire per un giocatore che è passato dall’essere una “sorpresa” ad  un elemento di prima categoria.

L’avversario dell’austriaco in questo match è il numero 25 del seeding Mark Webster. Il gallese sta attraversando una fase molto difficile della carriera, affetto in maniera evidente da “dartist”, ha vissuto un 2016 avaro di soddisfazioni, avendo fallito la qualificazione in tre dei sette tornei televisivi validi per il ranking. Al primo turno ha avuto la meglio per 3-0 di Joe Murnan in un match vinto nettamente grazie ad un irripetibile 9 su 11 ai doppi. Webster è sempre stato un giocatore capace di trovare il meglio del proprio gioco al Campionato del Mondo, ma quella fase della sua carriera, con la vittoria al Lakeside nel 2008 e le due semifinale all’Alexandra Palace nel 2010 e nel 2011, sembra essere ormai definitivamente alle spalle. Per il gallese, l’unico scenario di vittoria plausibile al momento è una ripetizione di un match simile a quello di primo turno, se Suljovic invece riuscirà a tornare ai livelli mostrato nel resto della stagione per Webster il passaggio del turno potrebbe essere proibitivo. 

Una partita decisamente più complessa è quella che aspetta il numero 9 del seeding Robert Thornton. Il giocatore scozzese non ha convinto nell’incontro di primo turno nonostante il 3-0 finale sull’austriaco Lerchbacher, dimostrando coerenza con un 2016 disastroso dal punto di vista dei risultati nei tornei televisivi. Il vincitore del World Grand Prix 2015, l’anno scorso sconfitto all’Alexandra Palace da Alan Norris al primo turno, ha vinto solamente cinque dei trentuno incontri disputati in tornei individuali televisivi nel 2016 prima del mondiale, non riuscendo a superare mai due turni nella stessa competizione. 

Thornton è un giocatore in questo momento che difetta alcun tipo di fiducia nel proprio gioco ed esprime la propria insofferenza in pedana alla prima difficoltà. Il contrario di quanto fatto vedere dal suo avversario di secondo turno Daryl Gurney che nel match di primo turno contro Wattimena, ha vinto per 3-1 con un 96.85 di average nonostante un pessimo 29% ai doppi. Il nordirilandese ha perso una parte della stagione a causa di un brutto infortunio alla mano, ma tornato a competere al World Grand Prix in Ottobre, ha ripreso la sua scalata ai piani alti della PDC. Gurney è un giocatore dal grandissimo talento, dotato di un powerscoring eccezionale, ed in una sezione di tabellone in cui finora nessuno degli avversari si è espresso ad alti livelli, se riuscirà a sistemare le percentuali ai doppi potrebbe conquistare il suo primo quarto di finale in carriera al Campionato del Mondo. 

La sessione pomeridiana si chiuderà poi con il match tra Dave Chisnall e Chris Dobey. Sfida interessantissima quella tra il numero 7 del ranking ed uno dei nomi nuovi più interessanti del circuito PDC. “Chizzy” è l’unico tra le prime nove teste di serie a non aver vinto per 3-0 al primo turno, ma questo soprattutto per meriti del suo avversario, Rowby-John Rodriguez, che è stato autore di un’ottima partita. Chisnall, come spesso gli capita, ha avuto qualche passaggio a vuoto in chiusura, ma nel momento più importante è riuscito ad alzare il proprio livello di gioco vincendo il quinto e decisivo set in appena 37 frecce! Il 36enne di St. Helens ha vissuto un 2016 di ottimo livello, con la finale nell’ultimo appuntamento televisivo prima del mondiale, le Players Championship Finals, e la semifinale al World Grand Prix, che lo hanno accompagnato nel modo migliore a questo mondiale.

L’Alexandra Palace finora non ha portato fortuna a Chisnall che si è fermato in tre occasioni agli ottavi di finale, ma quest’anno, forte anche della sua testa di serie, ha una grande chance di arrivare almeno tra gli ultimi otto del torneo.  Per fare ciò dovrà però per prima cosa superare la resistenza di Chris Dobey, giocatore al debutto nel World Darts Championship, e che quest’anno è stato scoperto dal grande pubblico. Le prestazioni da 100+ di average ottenute nelle tappe dello European Tour sono state il preludio di un grandissimo Grand Slam of Darts in cui Dobey si è spinto fino ai quarti di finale. Nonostante la poca esperienza a questi livelli, Dobey ha impressionato per la compostezza che ha dimostrato in pedana e per delle prestazioni molto solide contro avversari ben più affermati. Chisnall dovrà fare molta attenzione a quello che a mio avviso è un futuro top 8 della PDC, perchè già ora in caso di giornata negativa di “Chizzy” in chiusura, Dobey ha dimostrato di essere in grado di approfittarne.

La sessione serale delle 21:00 si aprirà con uno degli incontri più attesi di questo secondo turno. L’olandese Raymond van Barneveld affronterà l’inglese Alan Norris. Per il cinque volte campione del mondo l’esordio nel torneo è proceduto senza intoppi, solida prestazione da quasi 99 di average e 3-0 rapido su un avversario non facile come Robbie Green. Come confermato dallo stesso van Barneveld ormai in quasi ogni intervista, il mondiale è rimasto l’unico torneo della stagione a far tornare all’olandese quegli stimoli e quella voglia di giocare a freccette che sono necessarie per competere ai massimi livelli. Il percorso verso un sesto titolo per van Barneveld è di quelli quasi impossibile, e prima dell’eventuale sfida con Lewis negli ottavi di finale, ci sarà l’ostacolo Alan Norris da superare. Il finalista del Lakeside 2014, al suo primo mondiale PDC dodici mesi fa riuscì ad arrivare fino ai quarti di finale perdendo solamente al set decisivo da Jelle Klaasen. Il 2016 è stato l’anno della conferma per Norris che ha conquistato anche un torneo dello European Tour. La prestazione contro John Michael al primo turno non è stata convincente, ma Norris, per di più da sfavorito, rimane un avversario molto ostico a cui van Barneveld dovrà dare il massimo rispetto.

Gli ultimi due match in programma sono i match che vedono impegnati Phil Taylor e Michael van Gerwen. Entrambe le partite sulla carta non sembrano nascondere insidie per i due campioni. Il numero 4 del seeding, arrivato a questo mondiale dopo un mese senza partite ufficiali, ha dato ottime sensazioni al primo turno con un perentorio 102 di average. Al secondo turno Taylor affronterà il rivale di lunga data Kevin Painter, proprio come lo scorso anno. “The Artist”, entrato in tabellone solo grazie alla rinuncia per problemi di visto di Kyle Anderson, ha sfruttato una pessima prestazione di Jamie Caven per accedere ai sedicesimi di finale nonostante una media di appena 85.13.  Il bilancio nei precedenti tra i due giocatori parla di 31 vittorie per Taylor ed una sola sconfitta, con l’unico successo di Painter che risale al primo turno del World Grand Prix del 2001.

Avversario di ben altro spessore per Michael van Gerwen che affronterà un Cristo Reyes uscito vincitore da uno scontro di primo turno di alto livello con Dimitri van den Bergh. Lo spagnolo che due anni fa sorprese il mondo arrivando fino agli ottavi di finale alla sua prima partecipazione al mondiale, ha confermato l’impressione che si era avuto fin dal primo momento di avere davanti agli occhi un potenziale Top 32 della PDC. La sfortuna di Reyes in questo torneo è quella, da testa di serie numero 32, di dover affrontare al secondo turno l’imbattibile Michael van Gerwen, che al termine di un 2016 in cui ha vinto 25 trofei e tutti i tornei televisivi di primo livello, non ha alcuna intenzione di lasciarsi sfuggire il mondiale che negli ultimi due anni è andato ad appannaggio di Gary Anderson. L’olandese ha fatto sapere fin dal primo turno che quest’anno servirà qualcosa oltre l’inverosimile per batterlo, ed il 103.34 di average contro il finlandese Kim Viljanen, miglior media fatta registrare da MVG in un primo round del mondiale, è un segnale preoccupante per gli avversari. 

QUI potete trovare tutte le informazioni sul Campionato del Mondo PDC 2017, con il tabellone, il programma completo della manifestazione e tutti i risultati e le statistiche delle partite disputate finora.

Il torneo in Italia è trasmesso da Fox Sports. QUI trovate il calendario completo delle trasmissioni sui canali di Sky Italia. In alternativa sarà possibile vedere il torneo tramite i soliti canali streaming legali:

QUI potete trovare lo streaming di bet365 (è necessario avere un conto attivo sul sito di scommesse). 

QUI invece il nuovo streaming ufficiale della PDC che trasmetterà il torneo in diretta (a pagamento, 9.99£ al mese, alta qualità).

Programma di Martedì 27 Dicembre 2016
Sessione Pomeridiana (Dalle 14:00)

(91.23, 21%)  Mensur Suljovic 3-4 Mark Webster  (92.79, 29%)
(90.74, 33%)  Robert Thornton 3-4 Daryl Gurney  (95.35, 52%)
(92.88, 38%)  Dave Chisnall 4-2 Chris Dobey  (90.71, 34%)

Sessione Serale (Dalle 21:00)
(103.59, 43%) Raymond van Barneveld 4-0 Alan Norris (97.03, 18%)
(92.73, 35%)  Phil Taylor 4-0 Kevin Painter  (90.52, 24%)
(105.24, 37%)  Michael Van Gerwen 4-2 Cristo Reyes  (106.07, 58%)

FORMAT
Secondo Turno – Best of 7 set

Ogni set è al meglio dei 5 leg. Nel set decisivo in caso di punteggio di due leg pari si continuerà ad oltranza fino a che un giocatore non avrà due leg di vantaggio. In caso di ulteriore parità sul 5-5, si giocherà un leg secco che decreterà il vincitore del match ed i due giocatori tireranno al bull per decidere chi inizierà a tirare per primo nel leg decisivo.

Be the first to comment on "Campionato del Mondo PDC 2017, 27 Dicembre: ricomincia il mondiale con Taylor e van Gerwen"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*