Campionato del Mondo PDC 2016, 22 Dicembre: un ottimo Chisnall batte Rodriguez, vince anche Jenkins senza convincere

Jenkins-Bull

Lunghissima sessione di freccette all’Alexandra Palace di Londra per la sesta giornata del Campionato del Mondo PDC 2016. In una serata caratterizzata da un livello di gioco decisamente insufficiente per una competizione di questo tipo, l’unico giocatore a spiccare è Dave Chisnall che sfiora il 100 di average nella vittoria su Rowby-John Rodriguez. 

Risultati di Martedì 22 Dicembre
(88.00, 32%)  Dean Winstanley 2-3 Ronny Huybrechts  (91.14, 44%)
(77.80, 47%)  Wes Newton 3-1 Cristo Reyes  (87.05, 27%)
(99.37, 35%)  Dave Chisnall 3-0 Rowby-John Rodriguez   (89.37, 35%)
(89.56, 38%)  Terry Jenkins 3-1 Darin Young  (83.49, 53%)  

La partita più attesa di questa sesta giornata del mondiale PDC finisce a favore di Dave Chisnall che batte per 3-0 Rowby-John Rodriguez in un match più equilibrato di quanto dica il punteggio finale. Tutti i set si sono decisi con il punteggio di tre leg a due ed a fare la differenza è stato il maggior powerscoring di Chisnall che per larghi tratti del match è stato fenomenale sul T20. L’inglese però è stato molto meno solido in chiusura con il 35% complessivo ai doppi e soprattutto tante frecce lontane dai settori cercati, ed è questa fase del gioco che ha rischiato di complicargli notevolmente il match. “Chizzy” parte fortissimo nel primo leg trovando subito un 180, ma quattro errori ai doppi ed un checkout di 107 consegnano a Rodriguez il primo break dell’incontro. L’inglese però è martellante sul T20 e con leg in 15, 13 e 15 frecce si aggiudica il primo parziale chiuso con oltre 100 di average nonostante un pessimo 3 su 13 ai doppi. Nel secondo set Chisnall è devastante nei due leg in cui tira per primo che vince in 10 ed 11 frecce, ma non riesce a mettere pressione nei leg dell’austriaco che ha così l’occasione di tirare per primo nel decider del set. Rodriguez però fallisce quattro frecce per vincere il parziale e Chisnall trova il D10 che lo porta avanti 2-0. Nel terzo set dopo un agevole primo leg tenuto dalla testa di serie numero 13, Rodriguez chiude 170 per aggiudicarsi il secondo leg e poi punisce tre errori dell’inglese per fare il break ed andare due ad uno e “servizio”. “Chizzy” però non ha intenzione di rimanere ancora a lungo in pedana e inserisce nuovamente le marce alte sul T20 conquistando il controbreak con un 11-darter e chiudendo poi il match con un leg in 14 frecce. Nel prossimo round Chisnall affronterà Christian Kist che al primo turno ha sconfitto la testa di serie numero 20 Justin Pipe.

Ad aprire il programma della serata serata è stata l’ennesima sfida equilibratissima di questo mondiale che si è decisa al tie-breaker del set decisivo. Ronny Huybrechts ha avuto la meglio di Dean Winstanley per sei leg a quattro nel quinto set al termine di un incontro emozionante, ma molto teso in cui entrambi i giocatori hanno sofferto la pressione dell’occasione, ma sono riusciti a dare vita ad un quinto parziale di qualità e di grande intrattenimento. L’inglese esce meglio dai blocchi e gioca un ottimo primo set che si aggiudica a zero con leg in 17, 15 e 15 frecce, ma nel secondo parziale è Huybrechts ad avere la meglio approfittando di un Winstanley che passa dal 96 di average del primo set all’84 di fine secondo. La qualità dell’incontro non aumenta nel terzo set in cui Huybrechts non approfitta di due leg mediocri di Winstanley sul proprio tiro per fare il break fallendo anche un paio di doppi e l’inglese si aggiudica così il parziale con un checkout di 120 nel decider.

Il belga conquista per tre a zero il quarto set e porta così l’incontro al quinto e decisivo set che è una vera e propria altalena di emozioni. Winstanley viene graziato nel primo leg del set quando Huybrechts non punisce tre errori ai doppi dell’inglese fallendo altrettante occasioni in chiusura, nel terzo leg però il finalista del Lakeside 2011 sbaglia otto frecce ai doppi e regala il break all’avversario. La partita sembra essere destinata alla conclusione con il belga che rimane su 106 dopo 12, ma Winstanley trova un vitale 171 per lasciarsi 40 e dopo che Huybrechts non riesce a chiudere 106 trova il D20 per allungare il match. Ad un 14-darter dell’inglese risponde il belga con un 13-darter che viene seguito poi da un checkout di 102 per fare il break dopo un D20 mancato da Winstanley. Huybrechts però fallisce tre frecce per chiudere il match nell’ottavo leg e si trova nuovamente in parità quando l’inglese trova il D8 del 4-4 con l’ultima freccetta a disposizione. L’inerzia del match sembra essere cambiata ancora una volta, con Winstanley che si lascia su 40 dopo 15 frecce, ma il giocatore belga trova un superbo checkout di 164 per fare il break e nel leg successivo con l’avversario che aspettava su 12 dopo quattro turni si aggiudica la vittoria con una chiusura di 104.

Non è da meno per irrazionalità e colpi di scena la partita tra Wes Newton e Cristo Reyes vinta per 3-1 dall’inglese. L’inglese esce vittorioso da una partita di livello indecoroso per un Campionato del Mondo, chiusa con un average di 77.80, in cui lo spagnolo ha molto da recriminare. L’avvio del match sembra presagire una rapida conclusione a favore di Reyes che si aggiudica i primi due leg con un paio di 12-darter mentre Newton fatica a rimanere lontano dal settore del 5. Lo spagnolo però dopo l’inizio sprint si fa trascinare dall’avversario nella mediocrità più totale e fallisce ben sette frecce per vincere il set consegnando il parziale ad un Newton da 67 di media! Gli errori ai doppi costano carissimo a Reyes anche nel secondo set in cui entrambi continuano a non aver alcuna consistenza nel powerscoring. Dopo essersi divisi i primi due leg del set lo spagnolo fallisce due frecce in chiusura nel terzo leg consentendo a Newton di fare il break con un leg in 21 frecce che viene confermato da un 17-darter che spinge la testa di serie numero 26 avanti 2-0. Reyes trova un terzo set di qualità che vince con leg in 15, 12 e 15 frecce, ma ad inizio quarto set ancora una volta fallisce due freccette per vincere il leg e permette all’inglese di fare il break con un leg in 20 frecce. Newton trova nel momento più adatto l’unico leg di qualità del suo match andando avanti due a zero nel set grazie ad 12-darter impreziosito da un checkout di 161 e dopo aver fallito una freccia al D12 per vincere il match in stile con una chiusura da 144, mette fine all’incontro nel leg successivo con un 18-darter che lo qualifica al secondo turno dove affronterà James Wade.

In chiusura di una serata molto lunga e non particolarmente entusiasmante come qualità di gioco Terry Jenkins dà vita ad una partita di livello decisamente basso contro Darin Young. L’inglese non può essere soddisfatto della sua prestazione, caratterizzata dalla più totale inconsistenza in tutti gli aspetti del gioco, e che lo ha visto infatti molto vicino ad andare in svantaggio di due set. Lo statunitense si aggiudica il primo set al leg decisivo sfruttando due pessimi leg in zona checkout e si porta poi avanti per due leg a zero grazie ad un paio di 180 e leg in 15 e 17 frecce. Jenkins quasi spalle al muro si ricorda di essere il numero 11 del ranking mondiale e con leg in 12, 15 e 13 frecce insieme a chiusure di 121 e 104 si aggiudica il set in rimonta. Nel terzo parziale l’inglese continua sull’onda del set precedente e fa subito il break con un 12-darter ed un checkout di 116, ma invece di inserire il pilota automatico e veleggiare verso una comoda vittoria Jenkins ancora una volta perde la misura sul T20 iniziando a frequentare con continuità i settori dell’1 e del 5. Per sua fortuna Young lo grazie fallendo due frecce per l’immediato controbreak ed un’altra freccia al D20 per portare il set al leg decisivo. Il vantaggio di 2-1 non tranquillizza Jenkins che continua a fare fatica e nel quarto parziale sbaglia due freccette nel secondo leg e tre nel terzo consentendo così a Young di andare avanti due a uno e “servizio”. Il powerscoring dello statunitense però non ha la costanza necessaria per questi livelli ed a Jenkins bastano due leg discreti in 17 e 15 frecce per rimontare nel set e chiudere l’incontro conquistando così un posto ai sedicesimi di finale dove affronterà il gallese Mark Webster.

Programma di Mercoledì 23 Dicembre
Dalle Ore 20:00
Andrew Gilding v Gerwyn Price
Benito van de Pas v Max Hopp
Adrian Lewis v Jan Dekker
Jelle Klaasen v Joe Cullen

Leave a comment

Your email address will not be published.


*