Grand Slam of Darts 2015, ottavi di finale: Webster elimina Anderson, Giovedì è il turno di van Gerwen e Adams

PARTY POKER.COM WORLD GRAND PRIX 2015 CITY WEST HOTEL, DUBLIN,IRELAND PIC;LAWRENCE LUSTIG ROUND 1 MARK WEBSTER V STEPHEN BUNTING MARK WEBSTER IN ACTION

PARTY POKER.COM WORLD GRAND PRIX 2015 CITY WEST HOTEL, DUBLIN,IRELAND PIC;LAWRENCE LUSTIG ROUND 1 MARK WEBSTER V STEPHEN BUNTING MARK WEBSTER IN ACTION

Nella prima giornata dedicata agli ottavi di finale del Grand Slam of Darts 2015 non sono mancate le sorprese con Mark Webster che ha eliminato Gary Anderson e Raymond van Barneveld che in rimonta ha sconfitto James Wade. Giovedì 12 Novembre dalle 20 si disputeranno gli ultimi quattro match di ottavi di finale, con il numero uno del mondo Michael van Gerwen impegnato insieme a Kim Huybrechts contro Martin Adams, Dave Chisnall contro Michael Smith e Peter Wright contro Adrian Lewis.

Incredibile colpo di scena a Wolverhampton dove Mark Webster con una prestazione chirurgica in chiusura ha eliminato il campione del mondo in carica Gary Anderson, a cui non è bastato giocare a 104 di average per uscire vincitore. Il gallese è stato fenomenale in chiusura, 71% ai doppi e mai un leg perso quando ha avuto l’occasione di tirare ai doppi, e nonostante non abbia trovato una delle serate migliori nel powerscoring ha saputo sfruttare tutte le occasioni che gli ha concesso lo scozzese. Anderson ha pagato a caro prezzo una partenza lenta e qualche errore di troppo ai doppi nella prima fase dell’incontro, Webster ha preso così fiducia e con una seconda sessione di qualità si è portato avanti 7-3 anche grazie ad un cruciale checkout di 108 con lo scozzese pronto a fare il break. Leg in 15 e 13 frecce sul proprio “servizio” hanno permesso al gallese di portarsi avanti sul 9-5 e quando ha tirato per il match nel sedicesimo leg dell’incontro, dopo un bull mancato da Anderson per chiudere 123, ha chiuso la pratica al primo tentativo al D18 per una clamorosa vittoria.

Nel match più atteso della serata Raymond van Barneveld ha vinto una partita molto controversa con James Wade per 10-7. L’inglese è sembrato in forma smagliante per gran parte del match, portandosi avanti per 7-4 in totale controllo del match. L’olandese che dopo un buon inizio aveva iniziato a faticare a trovare continuità sul T20 ha rallentato vistosamente il ritmo della partita, prendendosi delle marcate pause prima di andare in pedana. Questo ha aiutato notevolmente Barney che ha ritrovato brillantezza nel powerscoring, mentre Wade ha perso la gestione della tempistica del proprio tiro, iniziando a sbagliare sempre più frecce per l’eccessiva fretta. L’inglese ha fallito un D20 per andare avanti 8-4 e da quel momento sono iniziati i problemi in chiusura per Wade, con van Barneveld che sempre più convinto della rimonta ha chiuso un cruciale 120 per fare il break sul 7-5 e poi ha operato il sorpasso con un D16 ed un D10 trovati con l’ultima freccetta a disposizione dopo aver punito altri tre errori al D20 di Wade. Sul 9-7 il mancino di Aldershot ha fallito altre 4 frecce ai doppi permettendo così a Barney di trovare il D9 che gli ha consegnato il sesto leg consecutivo del match ed una grande vittoria che gli permetterà di affrontare nei quarti Mark Webster.

L’eliminazione di due dei giocatori più convincenti della fase a gironi era stata preceduta da una prestazione molto opaca di Phil Taylor che ha recuperato uno svantaggio iniziale di 4-0 contro Terry Jenkins. Il sedici volte campione del mondo ha fallito sette frecce ai doppi nel primo leg per poi spegnersi completamente nel resto della prima sessione in cui solamente un checkout di 97 nel quinto leg gli ha evitato il parziale di 5-0. Jenkins non è riuscito ad approfittare di una serata molto negativa di Taylor, appena sopra il 91 l’average finale di “The Power”, che ha prima conquistato sei leg consecutivi per condurre 6-4 ed una volta raggiunto da Jenkins sul 6-6 grazie anche ad un checkout di 158 per fare il break, ha allungato nuovamente conquistando gli ultimi 4 leg dell’incontro tra cui il break decisivo ottenuto sul 7-6 con una chiusura di 116.

L’avversario di Taylor nei quarti di finale sarà Robert Thornton che ha avuto la meglio di un combattivo Robbie Green. Lo scozzese è partito subito fortissimo con un 12-darter ed un checkout di 160 e sfruttando l’iniziale 0 su 6 ai doppi di Green si è portato avanti 4-0. Con l’andare avanti dell’incontro lo scozzese però è calato sempre di più nel powerscoring mentre Green sbloccatosi con un checkout di 170 nel quinto leg ha aumentato la precisione sul T20 recuperando dal 7-3 al 7-6. Lo scozzese è stato però bravo a difendere i propri leg e nonostante una prestazione complessivamente non troppo brillante è riuscito a chiudere il match sul 10-8. 

Risultati di Mercoledì 11 Novembre
Ottavi di Finale
(93.09, 45%)  Robert Thornton 10-8 Robbie Green  (96.61, 44%)
(91.67, 42%)  Phil Taylor 10-6 Terry Jenkins  (95.16, 46%)  
(104.22, 37%)  Gary Anderson 6-10 Mark Webster  (94.89, 71%)  
(100.05, 26%)  James Wade 7-10 Raymond van Barneveld  (96.96, 48%)

Risultati Giovedì 12 Novembre (Dalle Ore 20:00)
Ottavi di Finale
(104.59, 30%)  Michael Smith 10-7 Dave Chisnall  (99.82, 64%)
(109.18, 53%)  Michael van Gerwen 10-2 Steve Beaton  (99.56, 40%)
(101.36, 30%)  Peter Wright 7-10 Adrian Lewis  (104.71, 62%)
(98.47, 41%)  Martin Adams 9-10 Kim Huybrechts  (100.87, 56%)

FORMAT
Partite dei Gironi – Best of 9 leg
Ottavi di Finale – Best of 19 leg
Quarti di Finale – Best of 31 leg
Semifinali – Best of 31 leg
Finale – Best of 31 leg

MONTEPREMI
Winner – £100,000
Runner-Up – £50,000
Semi-Final Losers – £25,000
Quarter-Final Losers – £15,000
Second Round Losers – £7,500
Group Winner’s Bonus – £2,500
Third Place in Group – £5,000
Fourth Place in Group – £2,500
Totale – £400,000
Bonus per un 9-Dart Finish: £30,000

Leave a comment

Your email address will not be published.


*