Campionato del Mondo BDO 2016, 8 Gennaio: saranno Waites-Hughes e Smith-Veenstra le semifinali di Sabato

3768

La lunga giornata di Venerdì 8 Gennaio si è conclusa con le eliminazioni eccellenti di Glen Durrant e Scott Mitchell nel torneo maschile e la vittoria a sorpresa di Trina Gulliver su Aileen de Graaf nella competizione maschile. Le semifinali maschili che si disputeranno Sabato saranno Waites-Hughes e Smith-Veenstra, mentre la finale femminile sempre in programma sabato sarà tra Trina Gulliver e Deta Hedman.

Risultati di Venerdì 8 Gennaio 2016
Sessione Pomeridiana
(91.29)  Wesley Harms 1-5 Jamie Hughes  (94.11)
(94.74) Glen Durrant 4-5 Scott Waites (95.58)

Sessione Serale
(77.73) Deta Hedman 2-0 Ann-Louise Peters (69.93)
(89.76) Jeff Smith 5-2 Dennis Harbour  (94.77)
(89.76) Trina Gulliver MBE 2-1 Aileen De Graaf (74.94)
(90.21) Scott Mitchell 3-5 Richard Veenstra (87.66)

Scott Waites compie un’altra miracolosa rimonta e batte per 5-4 il numero uno del mondo e primo favorito per la vittoria finale Glen Durrant. Per il 45enne di Middlesbrough si tratta della seconda sconfitta consecutiva al Lakeside avendo avuto freccette per vincere il match, l’anno scorso infatti fallì tre match dart in una strepitosa semifinale contro Martin Adams. Waites dopo aver vinto 4-3 contro Geert de Vos recuperando uno svantaggio di tre zet a zero, nei quarti di finale ha recuperato una situazione ancora più disperata con Durrant che è andato a tirare per chiudere la partita avanti 4-2 e due leg a zero nel settimo set. “Duzza” ha fallito una freccetta al bull per vincere la partita con una chiusura di 123, con Waites che ha trovato invece il checkout di 79 che è stato l’inizio di un parziale di 9 leg a 2 che gli ha permesso di completare la rimonta.

La partita è stata fin dall’inizio una contesa equilibratissima tra i due migliori giocatori di questo torneo. I primi quattro set finiscono tutti quanti al quinto e decisivo leg con Waites che fallisce diverse occasioni e Durrant che si ritrova avanti 3-1. Il numero 9 del seeding si aggiudica il primo set grazie ad un 11-darter per fare il break del decider del quarto parziale, ma nel decisivo del secondo set non sfrutta il vantaggio di tirare per primo non chiudendo dopo 15 frecce e permettendo a Durrant di conquistare il parziale con un break in 14 frecce. Un’altra grande occasione si presenta a Waites nel leg decisivo del terzo set con Durrant che gli concede 18 frecce per chiudere, “Scotty 2 Hotty” però non riesce a costruirsi nemmeno una freccetta ai doppi e Durrant in 20 frecce si porta avanti due set ad uno.

Il numero 1 del mondo apre il quarto parziale con un break in 14 frecce e si porta sul due a zero con un checkout di 140 per un 12-darter. Due errori per vincere il set nel quarto leg del set consentono a Waites di fare il break in 17 frecce ed andare a tirare per il set, ma ancora una volta il campione Lakeside del 2013 non chiude il leg entro le 15 frecce, questa volta mancando un D16 per vincere il set e Durrant si porta sul 3-1 chiudendo 79 in due frecce. Waites si aggiudica a zero il quinto parziale “against the throw” con checkout di 121, 122 e punendo cinque freccette ai doppi sbagliate dall’avversario, ma nel leg decisivo del sesto set quando ha il vantaggio di tirare per primo fallisce ancora una volta il D16 per andare sul 3-3 e Durrant con un break in 18 frecce torna avanti di due set sul 4-2. Il match sembra finito quando Durrant apre il settimo parziale con un leg in 13 ed un break in 15 frecce con checkout di 95, ma come detto Waites spinto anche dal pubblico decisamente schierato a suo favore, sopravvive ad un bull sbagliato da Durrant per vincere il match e con leg in 14, 15 e 15 frecce conquista il set. Durrant ha la possibilità di mettere a segno il break in apertura di ottavo set, ma fallisce un D16 per un leg in 12 frecce, l’errore risulterà decisivo perchè Waites con leg in 13, 18 con 83 chiuso sul bull e 15 frecce per fare il break nel quarto leg con un checkout di 116, riporta l’incontro in parità sul 4-4.

Nel set decisivo Durrant tira per primo ed apre il parziale con un leg in 15 frecce, ma nel secondo leg del set fallisce ben sei frecce per andare a tirare per la vittoria con Waites che riesce a tenere un leg in 22 frecce al quinto tentativo ai doppi. Durrant accusa il colpo dell’occasione persa e gioca un pessimo terzo leg in cui trova anche un turno da appena 13 punti, Waites ha quindi l’opportunità di fare il break in 16 frecce e con un 13-darter chiude la partita e conquista una fondamentale vittoria nella corsa al suo secondo titolo del Campionato del Mondo BDO.

Ad aspettare Scott Waites in semifinale ci sarà Jamie Hughes che nell’altro quarto di finale del pomeriggio ha battuto per 5-1 Wesley Harms in un match dominato dall’inglese grazie ad un powerscoring nettamente superiore a quello dell’avversario. Harms parte meglio dell’avversario conquistando il break nel primo leg del match con un 122 sul bull ed andando due leg a zero con un 16-darter, ma nel terzo leg del set con 82 rimasti non tira neanche una volta al bull per vincere il set, un errore che nell’economia del match si rivelerà molto pesante. Hughes infatti dopo aver tenuto il terzo leg in 17 frecce, cambia completamente marcia e con leg in 13 ed 11 frecce si aggiudica il primo set che viene seguito poi da un altro parziale di grande qualità vinto tre ad uno con leg in 14, 16 ed 11 dart, con ben 6 180 ed un 177 in sette leg. Hughes sembra essere in totale controllo del match quando sbaglia però cinque freccette nel terzo leg del terzo set, e nonostante un 12-darter per fare il controbreak, gli errori lasciano qualche strascico sull’inglese che gioca un pessimo decider del terzo parziale che Harms si aggiudica “against the throw” con un 17-darter. L’olandese sotto 2-1 dovrebbe trarre fiducia dal set appena vinto, invece non riesce a trovare alcuna continuità sui tripli e Hughes si porta sul 3-1 con leg in 18, 15 e 20 frecce. Il numero 4 del seeding allunga la striscia di leg vinti consecutivamente a sei andando sul 4-1 con un leg in 18 frecce, un 12-darter con checkout di 136 ed un leg in 14. Nel sesto set dopo aver tenuto il primo leg del parziale Harms fallisce due frecce per fare il break che subisce poi nel leg successivo dopo aver sbagliato il bull per un 121. Hughes si aggiudica set e match con un leg in 16 frecce in quella che è stata finalmente una prestazione all’altezza del suo talento dopo le brutte partite dei primi due turni, ma a cui dovrà dare maggiore continuità nella semifinale contro Waites.

Nella sessione serale Jeff Smith ha battuto per 5-2 Dennis Harbour e per il secondo anno consecutivo si è qualificato alle semifinali del Lakeside. Il canadese come prevedibile ha sofferto all’inizio la lentezza dell’avversario che invece è partito fortissimo vincendo i primi due parziali giocando ad oltre 100 di average. Smith però è stato molto bravo a trovare le contromisure al ritmo imposto dall’avversario e con un Harbour che con il passare dei leg è decisamente calato, il canadese si è aggiudicato i successivi cinque set con un parziale di 15 leg a 3, giocando dal terzo parziale in poi a 93 di average con il 50% ai doppi. Smith ha rischiato qualcosa solamente sul 4-2 quando il set non ha visto break e si è andati al leg decisivo dove Harbour ha fallito una freccetta al bull per andare 3-4 e tirare per primo nell’ottavo set.

A differenza dello scorso anno però Jeff Smith non incontrerà in semifinale Scott Mitchell che è stato sconfitto a sorpresa per 5-3 dall’olandese Richard Veenstra, alla prima partecipazione al Lakeside e subito tra i migliori quattro. Il campione in carica ha pagato a carissimo prezzo una prima parte dell’incontro semplicemente pessima, in cui ha faticato a prendere ritmo sui tripli ed ha sbagliato tantissimo in chiusura. L’inglese ha tentato la rimonta da 4-1 sotto, ma Veenstra si è dimostrato giocatore vero, disputando un ottimo ottavo set nonostante la grande pressione a cui era sottoposto. La partita si apre con due set veramente pessimi, l’olandese vince il primo parziale in 19, 26 e 19 frecce sfruttano più di 10 errori ai doppi dell’avversario e si aggiudica per tre leg ad uno anche il secondo set con leg in 16, 18 e 17 frecce. Mitchell dopo due set a 75 di average entra finalmente in partita vincendo il terzo set in 17, 14 e 17 frecce, ed apre poi il quarto parziale con due 15-darter, il primo con un checkout di 101 per fare il break, per andare avanti due leg a zero. Dopo un 15-darter dell’olandese, l’inglese però gioca un leg pessimo proprio quando tira per il set e senza mai arrivare ai doppi permette a Veenstra di ottenere il break in 16 frecce e di andare poi sul 3-1 grazie ad un checkout di 110 ed un leg in 15 frecce nel decider. Lo svantaggio per Mitchell si fa ancora più consistente quando perde il quinto set a zero a causa di un’altra mezza dozzina di frecce sbagliate ai doppi nei tre leg del parziale. L’olandese che tira per primo nel set che gli potrebbe dare la vittoria sul 4-1, gioca un pessimo primo leg del parziale concedendo il break in 21 frecce a Mitchell che si aggiudica il set tenendo i propri leg in 11 e 15 frecce con checkout di 142. Un settimo set di grandissima qualità rispetta i “servizi” ed è l’inglese ad aggiudicarselo al quinto leg con un 14-darter, nell’ottavo parziale però Veenstra ha nuovamente il vantaggio di tirare per primo e dopo essersi portato avanti due leg ad uno con un 12-darter con checkout di 121 ed un 15-darter con chiusura di 80 sul D20, l’olandese sfrutta un pessimo leg di Mitchell per fare il break decisivo in 18 frecce e trovare il D8 che gli consegna la prima semifinale in carriera al Campionato del Mondo BDO.

Nella giornata di Venerdì si sono disputate anche le due semifinali femminili. La competizione delle donne si è confermata ancora una volta incline alle sorprese quest’anno e la nove volte campionessa del mondo Trina Gulliver ha eliminato quella che era diventata la favorita per la vittoria finale, l’olandese Aileen de Graaf. La Gulliver ha giocato oltre l’80 di average conquistando il primo parziale e poi vincendo per 3-0 il terzo e decisivo set con leg in 14, 19 e 18 frecce. Nella finale di Sabato pomeriggio la Gulliver affronterà Deta Hedman che ha dominato la danese Ann-Louise Peters in una semifinale senza storia finita per 2-0.

Programma di  Sabato 9 Gennaio 2016
Sessione Pomeridiana (Dalle 15:30)
Jamie Hughes- Scott Waites 
Deta Hedman – Trina Gulliver MBE

Sessione Serale (Dalle 19:30)
Jeff Smith – Richard Veenstra 

Leave a comment

Your email address will not be published.


*